Archivi tag: dado

Grazie Tom!

Da tempo avevo intenzione di invitare il mio amico Tomaso Boscarol a fare kendo da noi in Toscana, per svariati motivi: in primis l’amicizia che ci lega ormai da molti anni, poi per mostrare ai miei allievi un kendo diverso ma che stimo moltissimo e poi… perché no… una scusa per mangiare qualcosa alla toscana tutti insieme!
Sabato 20 Giugno quindi sono arrivati Tomaso e Cecile, ci siamo fatti un giro a Firenze (d’obbligo!!) e poi nel pomeriggio abbiamo fatto un po’ di pratica insieme a Serena Ricciuti e Daniel Turner, venuti da Verona, e Michele Bellavite, venuto apposta per un weekend da Bruxelles: c’erano 3 dei miei del corso bambini e tutti hanno fatto una bella pratica intensa, divertente ed impegnativa. Seratona fra amici con tanto divertimento, birra e risate,  in piena armonia e tranquillità. Colgo l’occasione per ringraziarli tutti di essere venuti da lontano per partecipare.
Domenica lezione di Tomaso, c’erano una ventina di persone di vario livello ma dieci erano dal 4° dan in avanti, quindi la lezione era bilanciata bene e tutti siamo riusciti a lavorare sulle indicazioni di Tomaso (più o meno… come al solito nel kendo le cose sembrano semplici quando le guardi, ma poi a farle ti rendi conto di quanto sei indietro!!). Una bellissima  lezione, didattica semplice che si fonda tutta sulla relazione con l’altro, con l’incontro e con il costruire assieme qualcosa.
Davvero piacevole l’approccio di Tomaso al kendo, ha destato molta ammirazione fra tutti i presenti!!
Conclusione degna della giornata con grigliata di carne e vino bianco fresco, in una bellissima location all’aperto vicina al dojo. Mi rimane impressa la fase finale del breve discorso conclusivo di Tomaso, dove in breve il succo era: “…. nel kendo non è facile costruire insieme qualcosa, né colpire, ma alla fine quello che deve rimanere è…. un BEL SORRISO !!!!”.
GRAZIE TOM  ti aspettiamo di nuovo!!!
21 giugno 2015

21 giugno 2015

 

I commenti di chi ha partecipato:

Domenica 21 giugno ho partecipato all’allenamento di Kendo, tenutosi presso la palestra Equinox di Barberino, diretto dal M. Tomaso Boscarol, 6° Dan. È stato un allenamento molto interessante, sotto molti aspetti. Quello a mio avviso più importante è stato quello di poter incontrare praticanti da varie parti d’Italia e di livello alto.  Mi è piaciuto anche il modo in cui è stato impostato l’allenamento, sia per la gestione del tempo (le due brevi pause hanno aiutato a tirare il fiato) sia per gli argomenti che sono stati trattati, ovvero il fatto di cercare sempre il “dialogo” con motodachi e l’attenzione al fisico, riferito non solo allo spostamento del corpo ma anche alla postura. Mi hanno colpito molto anche il sorriso e la pazienza del M. Boscarol durante la spiegazione degli esercizi: credo che questo abbia contribuito a dare serenità e la giusta concentrazione a tutti i praticanti.

L’allenamento è cominciato con il suburi, per poi passare ad esercizi focalizzati sullo spostamento dei piedi e soprattutto del corpo. Nella seconda parte dell’allenamento sono stati introdotti esercizi per migliorare il dialogo con l’altra persona e – in alcuni casi – la risposta all’attacco di motodachi. Si è poi passati al keiko, partendo prima da mawarigeiko (nel quale ho potuto incrociare la shinai con, tra gli altri, il M. Boscarol, il M. Biondi e Serena Ricciuti) per poi finire con il jigeiko libero. È stato molto bello anche osservare il jigeiko tra maestri di alto livello, non solo per la rapidità nell’esecuzione dei colpi ma anche per il loro modo di fare kendo.
Per me è stata davvero una bella mattinata di kendo, un’occasione per cercare di migliorarmi ma anche per incontrare vecchi amici e per conoscerne di nuovi.
Mi sento quindi in dovere di ringraziare tutti quelli che sono intervenuti e tutti quelli con cui ho avuto la possibilità di praticare.” – Gabriele

“Giornata di keiko il 21 Giugno, presso Ittoryukai Valdelsa guidata dal sensei 6° dan Tomaso Boscarol. Molto bello l’allenamento con Boscarol che sa farsi piacere con la sua simpatia. Interessanti e pratiche le tecniche spiegate. Divertente e agonistico il jigeiko con kendoka di alto livello provenienti da vari dojo. Un allenamento di 2,30 ore che è servito a chiudere in bellezza quest’altra stagione di kendo. Grazie.” – Riccardo

“È stata una lezione molto interessante e coinvolgente: tutti gli esercizi proposti (semplici ma per niente facili all’atto pratico) vertevano sulla ricerca del mantenimento del contatto, visivo e non, dello scambio di sensazioni e di una relazione con “l’avversario”, dal sonkyo iniziale allo zanshin fino al rei finale. L’atmosfera era rilassata, come quella che si respira tra amici, ma non per questo è stato profuso meno impegno. E il contatto e la relazione che si era instaurata del dojo l’abbiamo poi mantenuta anche a tavola, proprio per mettere in pratica gli insegnamenti appresi la mattina!! Grazie, al M. Boscarol che ha tenuto la lezione e a tutti i partecipanti di alto livello che sono intervenuti” – Gianni


Superittoryukai!

In occasione della temporanea assenza del nostro maestro Dado per siamo stati ospitati squisitamente dai nostri compagni di pratica di Firenze nel loro dojo per una parte dei consueti allenamenti settimanali, e “approfittato” molto volentieri dei preziosi insegnamenti del loro istruttore. Cogliamo l’occasione per ringraziare sentitamente l’Ittoryukai Firenze per l’ospitalità ed in modo particolare il loro insegnante Maurizio per la pazienza e totale disponibilità. Grazie ragazzi, davvero di cuore!

wpid-img_20141010_233556.jpg


Butokumukyo 2013

Dado con Negishi Sensei

Dado con Negishi Sensei

Anche quest’anno si è svolto in Trentino, a Bedollo, il seminario chiamato BUTOKUMUKYO (letteralmente, “virtù guerriera senza confini”). Il maestro Tani Katsuhiko ha chiamato così questo seminario, proprio perché la sua idea è che il kendo non debba conoscere né confini né limiti; in questo bellissimo stage (e più generalmente nel mondo del kendo) tutti possono praticare, senza alcuna distinzione di età, di sesso, di razza, di religione né di livello tecnico. Penso che nonostante molto spesso si sentano queste parole è poi difficile vederle mettere in pratica sul serio; in questi giorni a Bedollo, tramite il kendo, è stato possibile attuarle e personalmente sono rimasto colpito dalla vastità e profondità della nostra disciplina. Dopo tutto questi anni, il vero kendo stupisce sempre per la limpidezza, l’onestà che viene fuori, la ricerca di una pulizia estrema sia nella tecnica sia dentro di noi.

 

Quest’anno il direttore dello stage era il maestro Negishi Nobuyoshi, 7° dan istruttore di liceo a Gunma. Ha condotto in maniera esemplare i 5 giorni del seminario, mantenendo un allenamento di base e un filo logico ma variando ogni giorno il menù degli esercizi. La sua metodologia è stata molto apprezzata da tutti i partecipanti, e svariati  istruttori italiani ritengono che questo sia proprio il tipo di allenamento necessario per un reale progresso. Il maestro Ushioda Hiroshi, 7° dan istruttore alle scuole medie, ha fatto da partner e coordinatore, e le tecniche da lui mostrate hanno stupito per la precisione, la velocità e l’indubbia potenza espresse in ogni singolo movimento. E’ stato generoso nei consigli e disponibile con tutti, dimostrandosi veramente una bella persona.

L’allenamento nello specifico ha visto le giornate divise fra:

Mattina: stretching, suburi, ashi sabaki in varie forme, tecniche (kirikaeshi, seme men, ecc) jigeiko, uchikomi.

Pomeriggio: stretching, kendo no kata, jigeiko, uchikomi.

I gruppi di lavoro erano divisi in due, da un lato i motodachi dal 4° dan in avanti e dall’altro tutti gli altri, mentre per i kendo no kata si sono fatti 3 gruppi (basso-medio-alto livello).

Anche le serate sono state allegre, piene di incontri, salsicce, amicizia e …un po’ di alcool che nel kendo non guasta mai!! Oltre ai consueti amici dalla Germania di Lipsia quest’anno presenti anche due simpatiche ragazze dalla Turchia, e un magnifico Jorg Potrafky (7° dan tedesco) che con due suoi allievi di Berlino hanno contribuito all’internazionalità del seminario. Anche quest’anno il maestro Yokoyama Norio ci ha allietato con i suoi keiko, davvero forte il suo spirito e la sua tecnica nonostante l’età!!! Così come i suoi discorsi sul vero significato del kendo, apprezzati da tutti i presenti. Ottimo il lavoro di tutto lo staff, sia per la preparazione sia durante tutti e  5 i giorni dello stage. Insomma, un seminario al quale merita davvero di andare (ne ha dato dimostrazione il nostro presidente CIK, Gianfranco Moretti 7° dan, che ormai da anni partecipa all’evento!!), senza ombra di dubbio. La disponibilità a dormire gratuitamente in palestra, i bassi costi del seminario e in generale del Trentino lo rendono accessibile a tutti.

Allora organizziamoci per Agosto 2014 !!!

http://www.kendo.it/calendario/documenti/92/BUTOKUMUKYO_2013.pdf

Ittoryukai Valdelsa presente!

Ittoryukai Valdelsa presente!